La Maledizione del Titanic1 min read

La maledizione del Titanic colpisce ancora: un sommergibile usato per portare turisti ed esploratori a vedere il relitto della famosa nave affondata nel 1912 è andato perduto nelle acque dell’Atlantico, vicino alla costa di Stati Uniti e Canada.

Nel momento in cui il sottomarino ha perso i contatti radio era in immersione da un’ora e 45 minuti.

La sua autonomia di ossigeno è di 96 ore, ovvero quattro giorni.

Il conto alla rovescia per ritrovarlo è dunque una corsa contro il tempo.

Almeno cinque i turisti diretti a 3.800 metri sott’acqua per la spedizione.

Tra loro anche il miliardario appassionato di imprese impossibili: il pilota di sommergibili chiamato “Mr Titanic” nonché ceo e fondatore della Ocean Gate, la società che per la “modica” cifra di 250mila dollari offriva “un’occasione per uscire dalla vita di tutti i giorni e scoprire qualcosa di veramente straordinario”.

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • wp2.telpress.it

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi