Like some forgotten dream. E se i Beatles non si fossero mai sciolti?1 min read

Il gioco proposto dal saggista Rachel, nel suo libro appena pubblicato, è quello di assemblare virtualmente il meglio dei titoli di ciascun debutto solista di John, Paul, George e Ringo, immaginando quali canzoni avrebbero superato il feroce esame della famosa commissione interna, al punto da assemblare un album che non è mai nato, ma che, ad ascoltarlo adesso -nella playlist creata ad hoc da Rachel (“Like Some Forgotten Dream”, su Spotify)- lascia sbalorditi per la qualità che esprime. E non c’erano grossi dubbi in merito, ma sentirlo fa un effetto particolare.

In qualche multiverso (termine preso in prestito dalla Marvel, ma scientificamente plausibile) qualcuno avrà certamente comprato e acquistato l’album, e molte cose – forse- lì in quel multiverso, potrebbero essere andate diversamente (meglio?).

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • wp2.telpress.it

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi