Ocean’s four1 min read

Quattro persone sono state arrestate per il furto di un robot per la chirurgia antitumorale, dal valore di quasi due milioni di euro, custodito in un deposito di Tivoli.

Secondo gli inquirenti si tratterebbe di un caso di spionaggio industriale.

Durante le perquisizioni sono stati trovati gli abiti indossati durante le varie fasi del colpo insieme ad alcuni disturbatori di frequenza, chiamati jammer -non in commercio-, utilizzati per inibire la trasmissione in radio frequenza del gps del camion che custodiva il robot.

Una vera spy story all’amatriciana, finita bene -ma male per i soliti ignoti.

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • wp2.telpress.it

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi