Social, allarme su giovani e challenge

Sei giovani su cento coinvolti almeno in una challenge: secondo l’Istituto superiore di sanità sono almeno 243 mila ad aver partecipato a una sfida sui social, con i maschi tra gli 11 e i 13 anni che rappresentano la fascia maggiormente a rischio.

Dopo il caso degli youtuber che hanno travolto una Smart a Roma, provocando la morte di un bambino di 5 anni, un altro caso scuote l’Italia: un 14 enne nel Salernitano si sarebbe tolto la vita per una challenge.

Sotto esame lo smartphone e il computer: si procede contro ignoti per istigazione al suicidio. Il governo cerca di porre rimedio: in arrivo una stretta sugli youtuber con l’introduzione di una nuova fattispecie di reato che punisce fino a 5 anni per l’istigazione sul web.

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • wp2.telpress.it

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi