Nuove luci sulla futura FININVEST1 min read

Tre testamenti scritti tra il 2006 e il 2022 delineano, senza alterarlo, il destino del patrimonio miliardario di Silvio Berlusconi: il segnale di quanto la continuità fosse la principale preoccupazione del lascito del Cavaliere lo si intuisce dalla scelta di destinare a Marina e Pier Silvio la quota disponibile e di averlo deciso già nel primo testamento, quello datato 2 ottobre 2006.

Era già da 17 anni, quindi, che Berlusconi aveva disposto che fossero i figli maggiori (gli unici con ruoli operativi) a controllare insieme il 53% di Fininvest, la holding di famiglia a cui fanno capo le quotate Mfe, Mondadori e Mediolanum, lasciando comunque a Barbara, Eleonora e Luigi il 47%. Il tema in evidenza su tutti i quotidiani.

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • wp2.telpress.it

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi