Shakespeare era una donna?1 min read

Fa scalpore in Inghilterra il saggio di Elizabeth Winkler, giornalista americana che nel suo “Shakespeare era una donna e altre eresie” rimette in fila tutte le teorie alternative sull’inventore di Romeo e Giulietta affermando, tra le altre cose, che il grande poeta e drammaturgo inglese in realtà fosse una donna.

Tre motivi per ipotizzare la femminilità del Bardo secondo l’autrice. Il protofemminismo: secondo alcuni studiosi nelle opere di Shakespeare c’è infatti un’attenzione all’umanità delle donne insolita per i tempi. Il travestimento: molte delle opere di Shakespeare presentano donne travestite da uomo e questo, secondo Winkler, potrebbe essere un indizio sulla sua (o una delle sue) identità.

Ed infine la scrittura collaborativa: al’epoca di Shakespeare alcune donne collaboravano alla scrittura a più mani di opere teatrali, pur senza firmarle.

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • wp2.telpress.it

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi